sabato, agosto 04, 2007

Chiedi Chiedi...

Quando si dice il caso. Vagabondando in rete capito sul sito della Garzanti e scopro questo saggio del 2006 di Scott Adams dal titolo inequivocabile.
Nel frattempo in cuffia mi passa il brano Chiedi Chiedi di Frankie Hi-Nrg MC che neanche farlo apposta rappresenta la perfetta colonna sonora al libro in questione ed a quello che, da un po' di tempo a questa parte, sembra essere l'attivita' prevalente nel luogo in cui lavoro (...e qui mi fermo!).
Il sapido libercolo, di cui potete leggere qui una recensione, non lo posso certo riportare - dovete acquistarlo come sto per fare io o farvelo prestare - ma il testo della canzone si! Eccolo qua sotto.
Io intanto porgo un sentito ringraziamento a Scott&Frankie che - con ironia e sarcasmo - sono riusciti a cogliere e sintetizzare perfettamente il "modus operandi" lavorativo odierno. Massimo rispetto!



Chiedi Chiedi -
di Frankie Hi-NRG MC dall'album Ero Un Autarchico-2003
"Per amore della musica anch'io
di tipi come te ne ho conosciuti un fottio
di gente scorretta, di gente che sfrutta
che prima ti usa e a cose fatte ti butta
di gente che fa solo ciò che gli va
approfittando di chi poi ci rimetterà
senza chiedere mai
il valore che dai
alle cose che fai
basta che gliele dai
e poi vai!

Il gioco sta nel dire
che ci sarà poco da spartire
che non ti potrai mica arricchire
che quelle poche lire mai potranno ripagarti
che non ci son parole per riuscire a ringraziarti
Tu non preoccuparti, ora et labora,
che i conti li faremo poi quando sarà l'ora
intanto ti incantano e non ti accontentano
e più tu gliele dai più bastardi diventano

Chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai
Tu chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai

Come ho fatto a fidarmi? Facile!
sembri credibile
ma usi i tuoi occhi come specchi per le allodole
tendi le trappole attorno alle briciole
e lasci il tuo complice a uccidere
Basta che tu non perda liquido
questo perchè non rispondi in solido
a costo di far la figura dell'arido
evapori acqueo e nuvole d'alito
Tipo, t'ho creduto senza far domande
mò mi dai risposte troppo blande
pago l'errore più grande
darti perle al posto di ghiande
Sai, suino sei, suino resterai
con gli anni che hai
tu non cambierai mai
potrai farti un futuro giusto come cotechino
se al posto del piombino
ci metti un orecchino

Chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai
Tu chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai

Quando tu dici amici che intendi
agire felici in comunione di intenti
esser presenti in tutti i momenti
nei quali da solo proprio non te la senti
farsi a metà per valer più del doppio
Avere un fedele senza esserne l'oppio
Mettersi a nudo mostrandosi stroppio
Esser lo scudo o esser lo scoppio
sei solo chiacchiere e diversivi
avrai i tuoi motivi
d'altronde da anni ci vivi
a te i modi civili non bastano
mentre a me quelli penali disgustano
ma se prima mi immischi e poi te ne infischi
l'utile intaschi e scarichi i rischi
fai il pesce sul fondo del barile che raschi
mò prenditi i fischi per tutti i tuoi fiaschi

Chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai
Tu chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai

Chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai
Tu chiedi chiedi e non dai mai
mi domandi di dare quello che non sai
ma rimandi a domani i dividendi miei
e rimando ti mando dove rimarrai"

Comments: Posta un commento

Links to this post:

Crea un link



<< Home

Aigor's BloG (Igor? No, Aigor!)
"Dei barbari afferrano questo cane, che supera tanto l'uomo in amicizia; lo inchiodano su una tavola, e lo sezionano vivo... Rispondimi, meccanicista, la natura ha forse sistemato tutte le molle del sentimento in quest'animale perche' non senta?" (Voltaire)
Ciao Rex!